Peasant dress: un modello, tre versioni

Blusa in flanellaQuesta settimana ho sperimentato un altro cartamodello tratto dal volume “Come realizzare abiti per bambini” di Emma Hardy,  e ho realizzato tre diverse versioni del peasant dress: una camicia da notte, una blusa e un abito in maglina.

Il modello lo trovate a pagina 84, nasce come camicia da notte ma è un modello talmente versatile che può essere utilizzato come volete.

Io ho usato la taglia 4-5 anni, senza inserire i margini di cucitura per la camicia da notte, e inserendo il margine di 1 cm per la blusa e l’abitino; tenete presente che il modello è piuttosto abbondante e molto dipende anche dal tessuto: l’abito in maglina in particolare è risultato molto grande, a mio parere veste  i 7 anni.

Dopo aver ricopiato il cartamodello l’ho appoggiato sul tessuto e tagliato con la rotella sul tappeto da taglio: da quando ho imparato ad utilizzare questi strumenti non posso più farne a meno. Il taglio del tessuto è veloce e preciso.

Dopo aver cucito le maniche e i fianchi e aver cucito l’orlo si ripiega il tessuto sul collo per 1 cm e poi ancora una volta per 1 cm, lasciando un piccolo passaggio per l’elastico. Come suggerito nel libro ho aggiunto un nastro sullo scollo in una tinta contrastante.

Camicia da notte a pois

Ho utilizzato lo stesso cartamodello per realizzare un abitino con uno scampolo di maglina a fiorellini; l’ho cucito con l’ago per maglina e uno dei punti elastici della mia macchina da cucire e ho rifinito con lo  zig zag. La rifinitura del collo è stata particolarmente semplice: ho piegato una sola volta e poi cucito con l’ago gemello che sul retro crea una rifinitura a zig zag. Anche qui ho voluto inserire un elemento decorativo, un pezzetto di fettuccia di maglina con il quale ho creato un semplice fiocco.
Presa dall’entusiasmo ho anche creato una collana con la stessa fettuccia, da portare con il vestito.
Abitino in maglina

In ultimo ho cucito la blusa che vedete in apertura del post: in questo caso ho semplicemente tagliato il cartamodello per accorciarlo e allungato le maniche, alle quali ho anche aggiunto un elastico per chiudere all’altezza dei polsi. Ho usato una flanella di lana molto leggera, perfetta per la primavera, e ovviamente non poteva mancare una collana in fettuccia da abbinare

Quando inizio non mi fermo più 😉
Collana in fettuccia

 

9 thoughts on “Peasant dress: un modello, tre versioni

  1. Ciao, grazie a te ho scovato il libro della Hardy. I modelli sono molto carini e mi sto cimentando nella realizzazione di qualche vestitino. Ma chiedo a te un consiglio….per i pantaloni da bimbo di pag.41, come posso cucire le tasche se già tutti i lati dei pantaloni sono chiusi? Domanda da neofita? Grazie, ti seguo sempre, cerco di imparare…

    Liked by 1 persona

      1. Grazie, saresti davvero gentile. Vorrei scoprire se sono molto imbranata nell’interpretare, o se c’è qualche trucchetto che non so….

        Mi piace

      2. Ciao Mira, ho ripreso in mano il testo della Hardy. Hai proprio ragione, impossibile cucire le tasche dopo aver assemblato il pantalone. Purtroppo in molti testi si trovano suggerimenti folli; se hai già cucito temo dovrai smontare il pantalone. Grazie per essere passata a trovarmi 😘. Martedì pubblicherò un nuovo post con la recensione di un nuovo modello per bambine

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...